Il software per le gare d'appalto
  HOME SOFTWARE SIMULAZIONI ORDINA DOWNLOAD RISORSE CHI SIAMO 
COA | COEV | Download | Ordini | FAQ .: COEV :.

COEV è un foglio elettronico che implementa il calcolo dell'offerta economicamente più vantaggiosa basato sul metodo aggregativo-compensatore, ai sensi dell'art. 86 del D.Lgs. 163/2006.

La valutazione di un'offerta è effettuata attraverso dei coefficienti (pesi ponderali) associati agli elementi di valutazione, di seguito indicati EV, e pubblicati nel bando di gara. Ogni EV "pesa" in un certo modo nella valutazione (ad es. il ribasso percentuale potrebbe essere più importante della modalità di esecuzione dei lavori) perciò si attribuisce, ad ognuno di essi, un valore compreso tra zero e uno. Tale valore prende il nome di peso del EV. Spesso si preferisce attribuire al peso un valore in centesimi (40 anzichè 0,4)

Gli EV possono essere di tipo Qualitativo o Quantitativo

Ogni EV di carattere qualitativo può essere valutato in tre modi:

  1. Metodo del confronto a coppie. Ogni commissario di gara, singolarmente, compila una tabella, detta tabella triangolare, con dei valori compresi tra 1 e 6 che serve a confrontare, a coppie, lo stesso EV di offerte diverse. Da questa tabella si può ottenere, per ogni offerta, un coefficiente compreso tra 0 e 1 che quantifica la qualità dell'EV in esame. Nel foglio elettronico è implementato il calcolo di tali coefficienti a partire dai confronti a coppie (foglio2). Di seguito spiegherò come compilare questa tabella. La media di tali coefficienti tra tutti i commissari costituisce la valutazione (non pesata) dell'EV in esame.
  2. Ogni commissario singolarmente assegna ad ogni offerta un coefficiente tra 0 e 1 in modo arbitrario, con o senza l'utilizzo della tabella per il confronto a coppie. La media matematica dei valori tra tutti i commissari fornisce la valutazione dell'EV per quella offerta.
  3. I commissari, di comune accordo, adottano un metodo unico per l'assegnazione dei coefficienti.
Ogni EV di carattere quantitativo è valutato matematicamente attraverso il metodo dell'interpolazione lineare.
Per ogni offerta abbiamo ancora un coefficiente compreso tra 0 e 1 associato ad un EV. Esso sarà vicino allo zero se quell'elemento dell'offerta è vicino al valore a base d'asta e sarà vicino al 1 se invece è molto migliore del valore a base d'asta.

Esempio

Supponiamo il prezzo di aggiudicazione a base d'asta sia €10.000
All'offerta con il prezzo "migliore" (ipotizziamo €6.000)
di tutte le altre si assegna un coefficiente pari ad uno (1) per l'EV "prezzo".
Abbiamo ora queste corrispondenze prezzo/coefficiente (tabella)
Prezzo Coefficiente
€10.000 0,0
€9.000 0,25
€8.000 0,50
€7.000 0,75
€6.000 1,0

In conclusione abbiamo, per ogni EV, una serie di coefficienti compresi tra zero ed uno, uno per ogni offerta. Tale colonna di coefficienti è associata quindi ad un EV (qualitativo o quantitativo). Esempio: avremo una colonna dei coefficienti per l'EV "ribasso", una per il "tempo di esecuzione dei lavori", una per il "valore estetico dell'opera" e così via. Una colonna dei coefficienti si riferisce quindi a tutte le offerte in gara ma ad un solo EV.

COEV permette di ottenere tutte le colonne dei coefficienti per ogni elemento di valutazione. Per gli elementi qualitativi si usa il confronto a coppie e per gli elementi quantitativi è utilizzato il metodo matematico dell'interpolazione lineare, secondo quanto previsto dalla normativa.

Il calcolo dei coefficienti finali è effettuato con il metodo aggregativo-compensatore.

COEV è completamente gratuito. Prima di usarlo leggete i file LEGGIMI.txt e PrimeIstruzioni.txt che si trovano nel file zip.

Scarica ed usa gratuitamente COEV Domande frequenti

 

© Copyright 2003-2014 - SoftAppalti.it